Se operi nell’ambito del retail il tuo primo obiettivo è aumentare le opportunità di vendita. Tradotto in numeri questo significa:

– aumentare il numero di lead e prospect da convertire in clienti;
– aumentare la frequenza di acquisto dei clienti;
– incrementare il numero dei clienti fidelizzati.

Facile a dirsi; e a farsi? E soprattutto, da dove partire?
Alla base di tutto c’è la fiducia dei propri consumatori. Una relazione che va costruita nel tempo e che coinvolge non solo i prodotti ma anche il brand e i negozi.

Migliora le relazioni e la fiducia dei clienti

Oggi i clienti possono venire in contatto con la tua azienda in diversi modi: entrando in negozio, navigando il tuo e-commerce o sito web, utilizzando un’app o acquistando in un marketplace di terzi.
Tracciare tutte queste interazioni del cliente e riuscire a integrare le informazioni in un unico punto di raccolta è la vera sfida da affrontare.
Una volta risolto questo problema, sarai in grado di comunicare con il consumatore in modo più diretto e personalizzato. Conoscerai molto di lui: l’età, i gusti, le preferenze, gli acquisti, i canali che ama utilizzare per lo shopping e potrai dirgli per ogni occasione la cosa giusta al momento giusto. Il risultato? Ti farai conoscere, la tua reputazione aumenterà e, usando tutti i canali a disposizione, vedrai crescere le tue vendite.

Supera la paura della complessità

Il punto che più spaventa le aziende è l’aspetto tecnologico: ovvero come integrare e organizzare la crescita dei dati e come utilizzarli allo scopo.

I dati dei clienti sono spesso memorizzati in più applicazioni e database. Il consolidamento delle informazioni è difficile o non si fa. E poi esiste quella cosa chiamata “legge sulla privacy” che va rispettata.
Se non riesci ad avere il polso della situazione, non ti sarà facile consolidare la relazione di fiducia con i tuoi clienti e, nel tempo, finirai col perdere opportunità di vendita. A chi non piace entrare in negozio ed essere riconosciuto, seguito e coccolato? A volte acquistiamo per la fiducia riposta nel venditore che sa davvero seguirci e trasformarsi nel nostro personal shopper.
Se ciò non accade ci sentiamo esclusi o trascurati e poco importa il prodotto o il prezzo.

Lo stesso vale nell’online: i suggerimenti che riceviamo con le e-mail o le notifiche ci fanno ricordare il brand e magari colgono un nostro desiderio o destano il nostro interesse. Ed è qui che si combatterà la prossima battaglia per il retail: conoscere e riconoscere i propri clienti per proporgli prodotti e servizi mirati.

Da dove partire

Il punto di partenza è dotarsi di una soluzione di Master Data Management (MDM), ossia uno software dove convogliare i dati provenienti da più fonti: i negozi, l’online, le app e i contact center. Non un semplice database, bensì un’applicazione che attraverso algoritmi unifichi i dati in entrata, elimini i duplicati e e restituisca informazioni “pulite” e “univoche” sul cliente, il prodotto e le sue azioni.
Con questo sistema potrai sapere che la signora Maria, una cliente fidelizzata in store, ha appena effettuato il suo primo acquisto on line; oppure che il signor Mario oggi ha scaricato la tua app, ed è la stessa persona che ieri aveva acquistato una cravatta nel tuo store di Milano e una settimana fa ha lasciato una camicia nel suo carrello on line.

Proviamo a scomporre il processo in 4 passi:

  1. Raccogli le informazioni dai vari sistemi (retail System, eCommerce, app, CRM, ecc.);
  2. Normalizza le informazioni raccolte (identificazione univoca del cliente, prodotti, campagne, stock, vendite e prenotazioni on line);
  3. Crea dei target omogenei (cluster) in base alle informazioni raccolte;
  4. Comunica per target seguendo il customer Journey dei clienti.

Gli obiettivi di una strategia MDM

Una buona strategia MDM consente di ottenere tre obiettivi importanti:

  1. Clienteling
    Prova a pensare a quanto sarebbe utile se i venditori negli store avessero accesso a informazioni dettagliate sugli acquisti e preferenze personali dei clienti. Queste informazioni potrebbero facilitare la relazione tra venditore e acquirente.
    Applicazioni per la vendita assistita, messe “in mano” al venditore, lo indirizzano nella vendita dando informazioni su: wish list dei clienti, volume medio degli acquisti, capacità di spesa,  cronologia degli acquisti passati, taglia e gusti e le preferenze.
  2. Comunicare in modo personalizzato
    Come creare una comunicazione personalizzata con i tuoi clienti? Email e SMS di una promozione, uno special price o una collezione, da soli non bastano più…
    Il legame con i clienti diventa forte se fatto di consigli spassionati e gratuiti, usando un’approccio che i puristi chiamano “education”.
    Per fare education hai bisogno di 2 elementi: content marketer e strumenti.
    I marketer possono infatti sfruttare i benefici offerti dalla marketing automation e dalle branded apps per restare in contatto con il cliente.
    Nel caso delle App che integrano e-commerce, queste possono consigliare, in automatico, gli articoli più a target per il cliente basandosi sui suoi acquisti passati. Il cliente riceve dunque una notifica del prodotto suggerito con la possibilità di effettuare immediatamente l’acquisto (shoppable).
  3. Attivare i processi omnichannel
    Se, oltre a centralizzare i dati sui clienti, integrassi in un MDM anche gli stock dei negozi, dell’online e le vendite generate su tutti i canali, allora saresti pronto per attivare la tua prima strategia omnicanale. Come? Sto parlando principalmente di tre opportunità che puoi mettere a disposizione dei clienti per acquistare quando e dove vogliono:
    Click & Collect: acquisto on line e ritiro in negozio;
    Reso in negozio: acquisto on line e restituisco in negozio;
    Disponibilità in store: acquisto online e vedo in quale negozio c’è la disponibilità del prodotto.

Come l’MDM genera traffico e aumenta le vendite

È chiaro a questo punto che per aumentare le opportunità di vendita e il traffico in store e online, il brand ha la necessità di diventare “omnichannel”. Perché è l’omnicanalità che permette al cliente di acquistare dove e quando vuole.
In base alle azioni che compie, il cliente riceve informazioni di “servizio”, come email di ringraziamento per l’acquisto, di conferma della registrazione on line o in negozio, o suggerimenti per nuovi acquisti. Per comunicare in modo così personalizzato ti servirà un sistema di marketing automation.
Alla base dell’intero processo ci sono i sistemi MDM che centralizzando e integrando i dati in real time, favoriscono una conoscenza precisa e “unica” del consumatore.

Questa nuovo approccio ti aiuterà ad aumentare la fidelizzazione dei clienti e, dulcis in fundo, le vendite.



Contattaci per partire al più presto con un sistema MDM

Silvia Ghiotto

Sales e Marketing Support – Sinesy
Cosa amo fare? Marketing digitale per lo sviluppo della presenza online del brand, dei prodotti e dei servizi, la produzione di contenuti in funzione dei diversi canali di comunicazione digitale, lo sviluppo delle vendite, dell’engagement e delle relazioni. Metto a frutto le mie competenze di marketing nel mercato retail apparel per la crescita del business delle aziende.

Miniguida per conoscere i clienti e vendere di più nel Retail ultima modifica: 2017-12-11T10:14:40+00:00 da Silvia Ghiotto